SIGNAL: TRA PRIVACY E SICUREZZA

Oggi parliamo di #SIGNAL, l’applicazione di messaggistica del momento.

Di cosa si tratta?

Signal è un’applicazione gratuita di messaggistica istantanea, simile alle più diffuse concorrenti WhatsApp e Telegram, caratterizzata da una particolare attenzione alla privacy e alla sicurezza. Dotata di un codice open source, dispone di più algoritmi di cifratura con cui protegge chiamate, videochiamate e messaggi. Al pari di Telegram, inoltre, permette l’autodistruzione dei messaggi dopo l’invio. Signal – così sostengono – non può decriptare o accedere al contenuto dei messaggi o delle chiamate, limitandosi a gestire il traffico dei “pacchetti chiusi” di dati degli utenti.

Oggi se ne parla grazie alla straordinaria crescita di download dell’App negli ultimi giorni, crescita legata principalmente:
– alla titubanza degli utenti nell’accettazione della nuova informativa privacy e delle nuove condizioni di utilizzo di WhatsApp, con scadenza 8 febbraio 2021;
– alla promozione della sicurezza di Signal da parte di alcuni soggetti influenti a livello internazionale, tra cui, principalmente, Elon Musk (fondatore di Tesla e SpaceX).

Si può considerare “sicura”, come App?

Dipende da cosa si intende per sicurezza.

Se si allude alla riservatezza dei dati rispetto ad un possibile accesso e utilizzo degli stessi da parte dell’azienda che gestisce il servizio, sicuramente Signal sembra offrire un livello di sicurezza maggiore rispetto alle concorrenti.
Se non altro non appartiene a un Gigante dei Big Data come Facebook.

Se, tuttavia, ci interroghiamo sulla sicurezza dell’App in relazione a un possibile utilizzo da parte degli utenti più giovani (minorenni, in particolare), direi che Signal presenta esattamente le medesime criticità di tutte le concorrenti:
– possibilità di chattare con perfetti sconosciuti, con scambio di qualsiasi tipo di materiale (anche pedopornografico)
– impossibilità di essere certi dell’identità del nostro interlocutore (il telefono potrebbe essere utilizzato da altra persona o dalla persona che pensiamo, ma in compagnia di altri)
– impossibilità di mantenere un “controllo” su ciò che viene scritto e condiviso: è sufficiente che il nostro destinatario faccia uno screenshot del nostro messaggio e la riservatezza della nostra comunicazione, alla faccia del “processo di distruzione dei messaggi”, viene completamente vanificata; ricordo ai ragazzi, sotto tale profilo, che le ragazze hanno la strana abitudine di screenshottare tutto, un po’ per “documentare” i momenti topici degli scambi con amiche e partner, un po’ per confrontarsi con le amiche sui frequentissimi scambi epistolari
– impossibilità di prevenire l’uso che ne possa essere fatto da parte dell’utente (che potrebbe, attraverso Signal, condividere proprie informazioni o materiale inappropriato).

Sotto questo ultimo profilo, anzi, temo che la “sicurezza e riservatezza” che si attribuiscono a Signal possano giocare a sfavore di un utilizzo corretto della stessa, un po’ come è avvenuto in passato con Snapchat: “E’ più sicuro, per cui posso inviarti quello che mi chiedi…”

Per cui facciamo attenzione comunque.
Abbiamo strumenti sempre più potenti, ma occorre imparare ad usarli correttamente.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
Torna su