Zoombombing

Pratica che consiste nel partecipare a riunioni virtuali su Zoom alle quali non si è stati invitati al fine di creare confusione (ad esempio insultando i partecipanti e interrompendo la videoconferenza in corso), spiare le conversazioni altrui o registrare i contenuti audio-video per poi diffonderli senza alcuna autorizzazione su Internet e sui social network.

Gran parte di queste condotte, peraltro, può confi gurare reato ai sensi del codice penale.

« Torna all'indice

Carrello
Torna su